Pescatorimoscalodi
Entomologia - I Tricotteri

 

 

 


I Tricotteri ("caddis flies o "sedges"), sono uno dei principali ordini di insetti acquatici.
Si trovano in tutte le parti del mondo. Come le farfalle, sono capaci di produrre della seta mediante la loro ghiandola salivare.
Questi insetti possono vivere in tutti i tipi di fiumi, calcarei o granitici, lenti o veloci, come nelle acque calme e laghi. Costituiscono fino al 40% dell'alimentazione dei salmonidi e la loro presenza e densità sono essenziali per la valutazione della qualità delle acque. Questo è uno dei motivi per cui la loro esistenza è sempre molto importante.
Impossibile confondere i tricotteri con altri insetti. Gli adulti, quando sono in posizione di riposo, possiedono delle ali "a tetto", generalmente pelose (questo conferma l’origine etimologica del loro nome di origine greca del resto: trikos = peli, pteros = ali), ed uno sperone molto visibile sulle zampe. I loro apparati boccali sono ridotti, mentre le loro “mascelle" sono molto evolute e visibili all'occhio nudo. Le antenne sono generalmente lunghe come il corpo, ma in certe famiglie, possono raggiungere una lunghezza di parecchie volte più del corpo.
Le schiuse di tricotteri o friganee, iniziano a primavera e durano tutta la stagione. Il loro ciclo di vita dura circa un anno; undici mesi di vita larvale e ninfale e 15/30 giorni di vita adulta.
Le imitazioni di tricotteri, chiamate sedges o caddis, sono tra gli artificiali più usati al mondo. Ogni moschista degno di questo nome, ne possiede almeno un modello nella sua scatola di mosche!
Le larve
Esistono tre tipi di larve di tricotteri e si distinguono tra loro per il modo di cui vivono in fondo all'acqua.
Le larve a foderi, chiamate o portalegna o portasassi, sono le più comuni. Costruiscono astucci il cui colore, forma e taglia, dipendono dai materiali disponibili nel loro habitat. Può trattarsi di materie vegetali, di grani di sabbia, dei piccoli sassi e cocci diversi. Poiché alla forma del fodero, è generalmente cilindrica.
Le larve libere, come il loro nome l'indica, non possiedono di fodero, ma un bozzolo fisso. Vivono nascoste sotto le pietre o nella schiuma, principalmente nei fiumi rocciosi dalle acque limpide. Le larve di Rhyacophilidae o di Hydropsyche, due famiglie di larve senza foderi, sono generalmente di colore verde, di una lunghezza di circa 20 mm sono carnivore e si cibano di uova di pesci e di piccoli invertebrati che sono le loro principali vittime.
Le larve tessitrici di reti, realizzano, come i ragni, delle tele con forme molto varie che servono loro al tempo stesso sia per proteggersi che per catturare le loro prede. Queste larve lunghe di 3 cm circa, spesso di colore bruno, con una testa nera e molto pronunciata, sono presenti in buona quantità nei fiumi e nei laghi.
Le ninfe
Tutte le larve di tricotteri, qualunque sia il loro tipo, possiedono un bozzolo ninfale realizzato con la seta. Questo stadio, che può durare da alcuni giorni a parecchie settimane, precede la schiusa delle ninfe o pupe che, prima di iniziare la loro risalita verso la superficie, si muovono liberamente vicino al fondo.
Giunti alla superficie dell'acqua, i tricotteri si sbarazzano del loro exuvia ninfale. È durante questa fase che diventano veramente vulnerabili. Questo è il momento in cui trote e temoli banchettano avidamente.
Questa ultima metamorfosi da luogo alla nascita dell’insetto adulto alato (imago).
L'insetto adulto
Una volta nati, gli insetti completi hanno solamente un solo obiettivo: riprodursi! Partono subito alla ricerca delle loro dolci metà o tentano di raggiungere le rive del fiume o del lago dove vanno poi ad accoppiarsi. Ha causa delle loro lunghe zampe, durante i tentativi di sollevarsi dall’acqua lasciano dietro essi sulla superficie dell'acqua, una lunga scia, un tipo di dragaggio che è per loro molto spesso fatale!
Dopo la fecondazione, le femmine depongono le uova sulla superficie dell'acqua. La vita aerea degli insetti adulti dura in generale dai 10 ai 30 giorni.
Impossibile dire quante specie di tricotteri esistono. In Europa ne sono state censite solamente più di 400. Le specie si distinguono tra loro per la taglia, per il colore, per la lunghezza delle antenne, per l’habitat in cui vivono, per l'epoca e l’ora della schiusa.
La più grande phrygane rossa, la più grande dei tricotteri, può raggiungere 30 mm, mentre una microcaddis, supera raramente 4 mm.
Certe specie sono presenti solamente nei fondali dei torrenti rocciosi. Una delle più note è la sedge marmorizzata. Altre specie preferiscono le acque calme dei laghi come la sedge picchiettata o la phryganea con il corpo verde.
Anche se la maggioranza delle specie schiude verso sera, altre nascono unicamente durante la giornata, tra queste la sedge argentata.
Le imitazioni
È possibile imitare i tricotteri rappresentandoli in tutti gli stadi della loro evoluzione. Le ninfe del moschista imitano la loro vita larvale e ninfale, le mosche annegate in risalita e le emergenti, come pupe di tricotteri. Gli insetti adulti sono imitati nelle tre fasi della loro vita aerea: quando scivolano e dragano sull'acqua, quando la femmina depone le uova sulla superficie e quando morendo, ricadono in acqua.
Al momento di realizzare gli artificiali, bisogna tenere conto di parecchi parametri.
La dimensione dipende dalla specie imitata, ma nella maggioranza dei casi la lunghezza delle ali va dei 6 mm per le piccole sedges ai 20 mm circa per le più grosse.
Le antenne, non devono superare ¾ della lunghezza dell'ala anteriore delle sedges di taglia piccola e media, mentre per le più grandi, la lunghezza può superare quella delle ali.
Il colore varia da una phryganea all'altra, e va' del giallo al nero, passando dal rosso fino al bruno con tutte le sfumature castagna.              Guarda quì alcuni modelli.